Ami le tette grandi? Ecco perché!

1 1 1 1 1 Rating 4.00 (4 Votes)
Le maggiorate non riscuotono più il successo di un tempo. Il maschio del nuovo millennio, infatti, preferisce tette poco vistose, discrete, che non diano nell'occhio. Comunque, malgrado il calo di audience, le tette grandi conservano sempre un vasto pubblico di estimatori.

Tette siliconate; tette pushate; tette con areole mammarie enormi; tette con capezzoli piccoli; tette strabiche; tette asimmetriche; tette a pera; tette a coppa… si potrebbe continuare all'infinito con gli aggettivi sulle tette.

Per non parlare dei senonimi, pardon, sinonimi: seno; ghiandole mammarie; mammelle; petto; poppe; bombe; zinne; zizze; tette… ecc.

Ma perché ci attraggono tanto due semplici ghiandole? Illustri psicologi affermano che, le ragazze con le tette grandi, piacciono soprattutto a quegli uomini che non sono stati allattati al seno.

Sarà anche vero, ma vi sconsiglio di agganciare una tettona facendo leva sul suo istinto materno. Confessarle che da piccoli avete ciucciato solo un gommoso ed asettico biberon non è una buona tecnica di approccio.

Le tettone sanno benissimo di avere le tette grandi, quindi, se volete conquistarne una, non fatele mai, almeno all'inizio, complimenti sul suo seno. Magari elogiate i suoi occhi, il naso, le orecchie, insomma qualsiasi parte del corpo, ma evitate assolutamente commenti sulle tette. Nei limiti del possibile cercate anche di fare in modo che lo sguardo non cada sempre lì. Lo so, è difficile, le tette grandi sono una calamita. Ma è brutto parlare con una persona con lo sguardo abbassato. Vi immaginate l'imbarazzo se la vostra interlocutrice, durante una romantica discussione cominciasse a fissarvi il pacco?

Lascia i tuoi commenti

Posta commento come visitatore

0
Your comments are subjected to administrator's moderation.
termini e condizioni.
  • Nessun commento trovato
Ami le tette grandi? Ecco perché! - 4.0 out of 5 based on 4 votes